Raccolta differenziata a rischio blocco

«La raccolta differenziata resta un compito prioritario»
24 Marzo 2020
Ri-creazione e Facebook  I video di Sei Toscana
26 Marzo 2020
Mostra tutti gli articoli

Raccolta differenziata a rischio blocco

Polimerica

Conai teme la saturazione delle filiere e la conseguente interruzione delle operazioni di ritiro dei rifiuti urbani.

La raccolta differenziata dei rifiuti urbani potrebbe bloccarsi a causa del congestionamento delle diverse filiere dovuto all’emergenza coronavirus (Covid-19).

L’allarme è stato lanciato da Conai, Consorzio Nazionale Imballaggi, in una lettera inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Capo della Protezione Civile, nonché ai Ministri dell’Ambiente, dello Sviluppo Economico, dell’Economia e delle Finanze e al Presidente dell’Anci, in cui chiede un immediato confronto con Governo e Regioni per scongiurare il pericolo di una imminente saturazione delle filiere – tra cui quella degli imballaggi in plastica – con conseguente interruzione delle operazioni di ritiro dei rifiuti urbani.

La grave emergenza sanitaria in corso – sostiene Conai – sta evidenziando criticità nei trasporti, nella chiusura di molti canali di sbocco delle frazioni non riciclabili e nel rallentamento e interruzione delle attività produttive che utilizzano i prodotti del riciclo, fattori che combinati insieme stanno mettendo a rischio l’operatività dei consorzi di filiera.

riciclo plastica“Questa situazione – si legge nella missiva – sta causando un progressivo congestionamento delle filiere con il pericolo, particolarmente marcato e imminente per alcuni materiali, di una completa saturazione e conseguente potenziale interruzione delle operazioni di ritiro dei rifiuti urbani. Tale rischio è ulteriormente acuito dalla mancanza di sbocchi per le materie prime seconde, non destinate ad attività produttive di carattere strategico”.

Il Consorzio chiede al  Governo di adottare provvedimenti urgenti, iniziando con l’incrementare le capacità di stoccaggio degli impianti, anche in deroga alle autorizzazioni previste; andrebbero inoltre individuati nuovi spazi dedicati a termovalorizzazione e a smaltimento per le frazioni non riciclabili e gli scarti delle operazioni di selezione.

Chiamaci
Raggiungici